MISANO 2017

MISANO > LA TRE | LA DUE | LA GP

di Deya Alverman
Romano Fenati
Dominique Aegerter
Marc Marquez
Franco Morbidelli
Andrea Dovizioso
Tutti gli eventuali errori di ortografia sono fatt iapposta
Due Ruote
Ritratto di deya

Misano gran premio di San Marino e della Riviera di Rimini... Con un gioco di prestigio il gp all'ultimo viene spostato all'Aquafan di Riccione, la Dorna lo cammuffa talmente bene che ci credono sia i piloti sia gli spettatori. Gara di Stuntmen nel week end che vede Loi con una clavicola fratturata nella Tre e Marquez jr. col bacino fratturato nella Due. Non so come raccontarvela di preciso... avete mai partecipato al gioco della Tombola? Quello dove c'era uno col megafono che chiamava i numeri e se prendeva il tuo esultavi? Ecco il week end di Misano era tipo la Tombola, solo che tutti si toccavano i maroni sperando che il numero estratto non fosse il loro...

Veniamo alle gare: han vinto Romano Fenati, Dominique Aegerter e Marc Marquez.

Veniamo alla Tre: 1:99 . 2:00 al giro di media. C'é poco da dire, Fenati parte, fa tre giri come se l'acqua sull'asfalto non ci fosse. Non è un esperto di corse sul bagnato Romano, anzi di solito l'acqua lo trasforma in Gremlin. Niente è la sua giornata la cabala non c'entra le curve sono amiche sue, ci fa amicizia al punto che gli dicono qua si scivola, qua no e lui via più veloce della luce. Gli altri si cagano in mano lui no, è talmente fiducioso che rifila una media di due secondi al giro a tutti compreso Joan Mir che al momento ha il mondiale in tasca. Mir appunto... lui! quello che... speriamo vada almeno in crisi con la pioggia, che magari fa un errore e Fenati gli recupera un sacco di punti. Col cazzo! Mir se ne sta in zona podio senza neanche far fatica, gestisce l'acqua in super sciallo e non fa nemmeno il ganasa che i punti di vantaggio su Fenati sono infiniti. Se ne sta con Martin, un altro che quest'anno voleva di più, gli sta incollato come un francobollo. A Mir gli basta anche il terzo, ma Martin si stende e Mir fa pure il secondo. Il mondiale è in mano sua, l'ho già detto e se lo merita. Terzo Di Gianantonio che ha passato la gara a tenere a bada Oettl e quella zecca di Canet. Alla fine rimangono lui e il francese che però a tre giri dalla fine fa la frittata e si stende... ...caro Canet ...detta in francese ...l'é mia semper festa...

Veniamo alla Due: Rimini Rimini un Anno Dopo recitava il sequel di un trash movie degli anni 90, nel 2016 vinse Baldassarri. Quarta pole position di fila per Pasini. Il Capitan Uncino punta decisamente a rincorrere Lewis Hamilton... ah no è un altro sport. Partono tutti a cannone, Morbidelli dopo la moto Tre non si è assicurato se hanno già estratto il suo numero o no, ma fa il copione e tenta la gara di Fenati. Lo segue Aegerter che da un paio di gare mette il naso tra i primi e la coppia Pasini, Baldassarri. Niente oh. A sto giro la tombola butta male... escono il 10, il 7, il 54, il 62 e persino il 21. Cinquina fuori Manzi, Marini, Balda, Paso ma soprattutto Morbidelli. Aegerter è primo, Luthi gli si attacca alle chiappe... incredibile due Svizzeri in testa a San Marino, terzo Syharin malese... non dico altro... Thomas ha la possibilità di rifilare il secondo 25 a zero al Morbido ma niente il connazionale non ci stà, non è un campionato per nazioni vuole vincere. Luthi ci prova un paio di volte ma il rischio di fare zero è alto. Aegerter va sul gradino più alto del podio e lo fa con una Suter... una che? La moto... ma non erano tutte Kalex Honda? No no ci sono anche le Suter. Quarto Pecco Bagnaia... non si vede mai checcombina, ma arriva sempre li tra i primi è il rookie dell'anno lo cito sempre, una costanza di risultati incredibile, speriamo vinca una gara a caso prima della fine.

Veniamo alla GP: Nel week end di prove si capisce subito che a Marquez son girate non poco per il 25-0 subito dal Dovi a Silverstone. Passa venerdì e sabato sull'asciutto a dare sberle a chiunque capiti a tiro. Gli va male solo nelle prove ufficiali ma è in prima fila. Si stende come al solito mi sembra tre volte. Vive al limite porta la moto al limite sempre, perché la Yamaha è più equilibrata e la Ducati ha un motore che lui se lo sogna. E' il gran premio della Ducati, con Valentino fuori dai giochi, son tutti per il Dovi capo classifica. Pronti via... Lorenzo si ricorda che è uno dei suoi circuiti preferiti e che una volta vinceva le gare. Parte a cannone... dando quasi un secondo al giro a tutti poi qualcuno deve avergli detto la verità... siamo all'Aquafan! no a Misano!... lui si prende male e si stende. Si stende anche Crutchlow, a causa di una crisi d'identità... va bene i soldi ma basta cambiare a ogni gara colori alla moto... cheppalle. Niente rimangono in tre Rain Man Poncherello meglio noto come Danilo Petrucci, che in piscina va sempre forte... e quelli che si giocano il mondiale al secolo Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Maverick Vinales è in crisi, quest'anno alla Yamaha non ce la fanno, non si capisce perché ma a quanto pare con la Michelin non si capiscono neanche per sbaglio. Giri su giri di noia. Petrucci passa in testa e tira convinto di vincere, il Dovi molla perché la paura di fare zero è tanta, Marquez no perché è più incazzato che impaurito. Se poi il tuo avversario è Poncherello ci provi. Va al solito sulle uova ma ormai è abituato, fa il minimo indispensabile, all'ultimo giro Marquez fa ciao ciao al povero Petrux stampando un giro a 1:57 che annichilisce tutto il paddock. 199 pari. Chiude Zarco che spinge la moto come i bob... Alla prossima...

Commenta