Lewis Calimero

Monte Carlo | Qualifiche

di Deya Alverman
Kimi Raikkonen
Sebastian Vettel
Lewis Hamilton
Valtteri Bottas
Stoffel Vandoorne
Tutti gli eventuali errori di ortografia sono fatt iapposta
Quattro Ruote
Ritratto di deya

Siamo arrivati a Monte Carlo, ufficialmente Gran Premio del Principato di Monaco. Un luogo strano, per ricchi, che dovrebbe portare anche un po' di antipatia. La storia di questa piccola cittadina si perde nel tempo, il primo Gran Premio si disputò nel 1929 ed è, insieme a Monza e Spa Francorchamps, la storia delle corse. Si prova il giovedì e il sabato, perché il venerdì si fa beneficenza, ...grazie al cazzo... penserete voi ...beh sì. I Daft Punk lo usarono persino per farsi pubblicità vestendo la Lotus di Kimi Raikkonen nel 2013; parliamo del Gran Premio cittadino per eccellenza, se mi citate Valencia vi mando in vacanza col figlio di Piquet.

Veniamo alle prove: Raikkonen in pole.

Veniamo alle prove: Kimi ha disintegrato il record di Monte Carlo, ha guidato con una velocità disarmante sfiorando ogni guard-rail senza mai esitare un secondo. Non è stato solo veloce nel giro secco, è stato costantemente veloce, fino a un minuto dalla fine aveva dato sette decimi al secondo ma poi...

Hamilton, merita un capitolo a parte, francamente non so nemmeno cosa gli sia capitato, ma di sicuro lascia sbigottiti vedere lui cha fa il rally a Monte Carlo per tenere la macchina in pista. Esce dai primi 10. Non ci crede nemmeno lui, nel suo ultimo giro utile, nel Q2, tenta il colpo gobbo, ma Vandoorne parcheggia la macchina su un guard-rail e Lewis deve tirar sul piede. Ci mette venti minuti per uscire dalla macchina, attonito, domani manderà un sosia e se ne andrà al casinò...

McLaren Honda, aka: la macchina che più di ogni altra ha subito improperi dal suo pilota di punta, al secolo: Fernando Alonso. Non pochi l'avevano tirata al Fernando, che bigiava scuola per andare a giocare a Indianapolis. Ottimo quinto in prova nella Indy, il Fernando. Ottime altresì le McLaren senza di lui, che si qualificano per la prima volta entrambe per il Q3 e si piazzano tra le prime dieci. Vandoorne, senza Alonso, è come uno che riesce a cagare dopo due mesi di stitichezza. Fila come un fulmine e piazza anche un sesto tempo, riesce persino a spiattellarsi contro un guard-rail sputtanando il giro della vita di Hamilton: ...maestria e antipatia. Button, c'é poco da dire, è uno che, durante la pausa estiva del 2015, si è qualificato per la finale mondiale di Triathlon. Chi pensava che sei mesi sul divano l'avrebbero trasformato in: quello che usa la macchina per andare a far la spesa, si meritano di andare in vacanza con il figlio di Piquet pure loro.

All'ultimo minuto. Sì, parliamo dell'ultimo minuto, quello in cui per l'ennesiva volta Vettel stava per prendere per il culo il povero Kimi, dopo che per tutto il week end aveva preso la paga. Ecco Seb, stavolta nel culo l'hai pigliata tu, per 43 millesimi. E' così; vedi di non mettere il broncio, che domani te la devi sudare. Bottas terzo incomodo; il numero due della Mercedes, quello che doveva portare l'acqua a Lewis, domani non potrà farlo, perché a piedi dalla sua terza casella alla quattordicesima di Hamilton è troppo lunga. Terzo a 45 millesimi.

Tre piloti in meno di 50 millesimi di secondo. Buon Gran Premio di Monte Carlo a tutti.

PS: Dimenticavo le RedBull ...han fatto gli spacconi per quasi tutte le prove ma alla fine sono dietro e neanche di poco... va così.

Commenta